27.3.20

Film da vedere ai tempi del Coronavirus

Buongiorno a tutti,
quanto tempo! Anche voi state lavorando da casa? Come va? Io cerco di non pensare alla situazione che stiamo vivendo e voglio pensare positivo. Ammetto che sia difficilissimo.
Sperando che le cose migliorino e che le persone a cui vogliate bene stiano al sicuro, cerchiamo di distrarci un po' dalla cattività in cui ci troviamo. Proviamo a sentire l'aria fresca, a percepire grandi spazi. Anche io ho ceduto inizialmente alla depressione da quarantena e mi sono guardata Contagion (no, fidatevi, non è il caso di guardarlo in questo momento).
Qui qualche suggerimento per sentirsi "da qualche altra parte" e non tra le mura di casa. 
Se poi, come me, vivete in una grande città senza balcone e senza giardino, un abbraccio (virtuale) ancora più forte.

The beach



fonte Google

Un film d'annata che ho imparato ad apprezzare da grande. All'epoca ero andata al cinema (che belli erano i cinema!!!) con le mie amiche solo perché nel 2000 era ancora forte e prepotente la Di Caprio mania, ma i temi trattati erano troppo forti e forse alcune scene un po' troppo crude.
Il film parla di un giovane americano, Richard (Leonardo) che si reca a Bangkok e qui incontra un uomo di nome Duffy che gli racconta di una misteriosa isola in cui lui ha vissuto ma che, ad un certo punto, ha dovuto lasciare. Subito dopo, l'uomo si suicida e lascia a Richard la mappa per raggiungerla. Perché Duffy si è suicidato? Cosa può aver visto di così terribile da indurlo all'insano gesto? Un film in crescendo e con fotografie meravigliose. Ve lo consiglio vivamente. Anche solo per sentire il rumore del mare in hd.

Everest








Film stupendo del 2015, ma che non ha avuto la pubblicità che merita, che ho visto qualche mese fa a seguito della lettura del libro di Jon Krakauer "Aria Sottile" (autore del libro "Into the Wild" da cui è tratto il famoso film) che trovate su Amazon a questo link:



Il film narra della storia vera della tragedia della spedizione sul Monte Everest del 1996 a cui lo stesso autore Jon Krakauer, appassionato di montagna e giornalista, aveva partecipato.
La tragedia avvenne in un periodo in cui venivano proposte spedizioni turistiche per appassionati di montagna molto ricchi, visto che il pacchetto vacanza costava migliaia di dollari, sulla montagna più alta e più pericolosa del mondo. Purtroppo avvenne il disastro per una serie di fattori naturali ma soprattutto errori umani che vedrete nel film.
Ve lo consiglio anche se non siete appassionati del genere. Anzi, se avete da consigliarmi film simili, i suggerimenti sono ben accetti! 








Il velo dipinto



Lo avevo già proposto tempo fa  QUI ma, poiché parla di un medico batteriologo che si reca in Cina per combattere un'epidemia di colera forse siamo un po' in tema con quello che sta succedendo.
Sì, lo so, avevo fatto la premessa dicendo che non volevo farvi pensare al Coronavirus...piccola eccezione. Edward Norton at his best, i bellissimi paesaggi e la storia d'amore tormentata con Naomi Watts ne valgono la pena.


Mediterraneo





Film gioiellino del 1991 di Gabriele Salvatores e per il quale abbiamo anche vinto il premio Oscar come miglior film straniero.
Il film racconta la storia di alcuni militari italiani durante la seconda guerra mondiale finiti in una sperduta isola della Grecia con il compito di stabilirvi un presidio.
Inizialmente si sentiranno spaesati perché non vi troveranno nessuno ma gli abitanti, dopo un'iniziale diffidenza verso i nuovi invasori, incominceranno a farsi vedere e a fraternizzare con gli italiani.
A parte la bellezza dei luoghi in cui è ambientato, è un film che fa riflettere su noi stessi e dove i protagonisti si fanno molte domande su quello che sono, che cosa vogliono realmente e perché stanno combattendo. Posso anticipare l'ultima frase che si vede nel film ma che non lo spoilera affatto: «Dedicato a tutti quelli che stanno scappando»


Il richiamo della foresta



Premessa: non l'ho ancora visto ma è in lista.
Harrison Ford, un bellissimo cagnolone e un film basato sul meraviglioso libro di Jack London che se non avete letto potete subito recuperare qui:

Tre garanzie per un film sicuramente piacevole e meraviglioso ambientato nella natura selvaggia. Ne abbiamo tanto bisogno.
Un abbraccio virtuale a tutti e spero che questi film vi facciano trascorrere una piacevole serata in attesa di tempi migliori.

Nessun commento :

Posta un commento

Grazie per il commento! Scrivi pure il link del tuo blog se ne hai uno e, se ti va, iscriviti tra le mie lettrici per aiutarmi a crescere! :)